Quasi tutto scorre nel libro. Questa mostra nel mio 
immaginario è sul treno. Verso Roma ho percorso tutte le
gallerie con Millo Prini, che ho poi seguito anche nelle
stazioni. Sempre sul treno ho incontrato Jan Knap per 
Una fuga in Egitto. Giuseppe in piedi nel corridoio del
vagone fuma una Marlboro, accompagna Maria in
stazione con la valigia e il bebito.

Con le radici dell' albero e nel respiro delle foglie c'è il
percorso di una breve eternità che si rinnova in primavera,
il silenzio dei muri è nella tecnica dell'arte che ho
scoperto a New York a casa di Ian Wilson, angelo della
parola, artista alto due metri seduto sulla sedia nella
stanza vuota: una meraviglia. Parole senza curve nella
geometria dell'arte, ma non potevo ascoltare la logica
anglosassone senza pensare alla mongolfiera di Usellini,
ai peluche di Charlemagne, ai coriandoli di Tano Festa, al
pensiero verde di una rana, alle matite di Paola e a
Platero, l'asino premio Nobel per la letteratura nell'anno
dello Spazio totale di Mario Nigro.

Devo fare ordine. Lisa Ponti quasi dormendo disegna a
sua insaputa. Disegna le sorelle Grimm che cucinano
fiabe con angeli e spezie in tutte le tasche, festeggiano la
discesa dell'astronauta uscito dalla navetta che entra
dalla finestra. Caro Carretto e Cara Morte di Tommaso
Trini, un’opera di Mario Merz, un involucro solare con il
fieno e due conigli. È il carretto di Van Gogh trovato in un
paesaggio di campagna poco lontano, poi Salvo annuncia
la prima neve sotto un lampione alla fermata del tram.
Una pausa che Vincenzo Agnetti indicava come un 
continuo divenire per un’arte non sacrificata
all'argomento, senza identità, in un’aspettativa che si
rinnova nel tempo, come accade nel viaggio di Tarkovskij
con un’astronave che pur lontana nel cosmo sembra
saper ritrovare nella memoria l'immagine di un albero del
giardino di casa. Importante per l'arte è non essere
bronzo. (Franco Toselli, 2023)


Artisti: VINCENZO AGNETTI, PETER ANGERMANN, FABRIZIO BRAGHIERI, SERENA CLESSI, GIORGIO COLOMBO, FRANCO DELLERBA, BONOMO FAITA, TIZIANO FINAZZI, ENZO FORESE, ANGELO FORMICA, FRANCESCA FORNASARI, KAZUMASA MIZOKAMI, JAN KNAP, CORRADO LEVI, FAUSTO MELOTTI, SILVIO MERLINO, ENZO OBISO, CHARLEMAGNE PALESTINE, GIANNI PIACENTINO, PIETRO PIRELLI, LISA PONTI, LUIGI PUXEDDU, FRANCA SACCHI, ANTONIO SERRAPICA, ANTONIO SOFIANOPULO, GIACOMO TOSELLI, GABRIELE TUROLA.

Previous Next
Altre Mostre

Fuga per un picnic

Dagli angeli alla motosega

Doppio gioco

Hotel Acquarello